Ordine Assistenti Sociali Piemonte

Gruppo di lavoro temporaneo WSWD 2015 – Croas Piemonte

Nel Consiglio del 14 dicembre 2015 è stato approvato il documento finale prodotto dal gruppo di lavoro che presso la sede dell’Ordine si è incontrato per l’elaborazione dei questionari proposti in occasione della giornata mondiale del Servizio Sociale 2015.

Pur nella consapevolezza di alcuni elementi di criticità relativi a

la numerosità del campione; la scelta metodologica adottata per il campionamento nonché le limitazioni che il questionario stesso ha fatto emergere in fase di rielaborazione (cit. documento pag. 9)”

sono numerosi gli aspetti di interesse  emersi dall’elaborazione dei questionari, tra i quali appare evidente la disponibilità di un grande numero di iscritti a far parte di gruppi di lavoro e riflessione su temi connessi alla professione.

Già nel Piano formativo 2015 predisposto in conformità con il Regolamento sulla formazione continua, si prevedeva la possibilità di individuare tra i percorsi formativi anche gruppi di lavoro, aperti alla comunità professionale, su tematiche segnalateci dai colleghi o in base a specifiche richieste.

In data 5 agosto 2015 il Consiglio, con delibera n. 134, ha approvato il Regolamento interno dell’Ordine del Piemonte (amministrazione trasparente). Tra le tante novità segnaliamo l’articolo 29 che formalizza tale modalità di lavoro.

Articolo 29

Gruppi di lavoro e altri organismi

29.1. II Consiglio Regionale, per particolari questioni che richiedono un’attività di studio, di consulenza, di supporto, può costituire Gruppi di lavoro con iscritti all’Ordine e/o esperti del settore ai quali partecipa almeno un componente del Consiglio regionale.

I Gruppi di lavoro sono tenuti a svolgere i compiti loro affidati sulla base dei criteri, nei termini e con le modalità stabilite dal Consiglio con apposita delibera. Ai gruppi di lavoro possono essere riconosciuti gettone di presenza e rimborso delle spese con apposita e motivata delibera consigliare. Le presenze ai lavori devono essere registrate su appositi moduli firma.

Anche in considerazione di quanto emerge dai questionari, nel Piano dell’Offerta Formativa per l’anno 2016, pubblicato in questa sezione del sito, sono stati previsti i gruppi di lavoro.

“Il modello dei gruppi di lavoro è un modello già adottato a livello nazionale: Ordini professionali degli assistenti sociali di Regioni come la Lombardia ed il Lazio utilizzano da tempo questa modalità di lavoro come percorso di   formazione continua garantita ai professionisti; pertanto, speriamo che possa essere anche per la realtà piemontese, un’efficace modalità di lavoro innovativa da proporre alla comunità professionale (cit. documento pag. 34)”

Anche alla luce del Protocollo di collaborazione interistituzionale siglato nel mese di dicembre 2015 tra la Regione Piemonte e l’Ordine Assistenti sociali della Regione che, nell’ambito delle rispettive competenze, instaurano un rapporto di reciproca collaborazione finalizzato al supporto tecnico da parte dell’Ordine ai diversi Tavoli previsti dagli assi strategici individuati nel “Patto per il sociale della Regione Piemonte 2015-2017”, le macro tematiche individuate saranno: nuove povertà e vulnerabilità sociale, giovani assistenti sociali e libera professione, minori e famiglie, l’assistente sociale in Sanità. Il Consiglio dell’Ordine auspica di poter avviare tutti i gruppi previsti nell’arco dell’anno 2016.

Il Consiglio dell’Ordine ringrazia i colleghi assistenti sociali Chiara Biraghi, Paola Vaio, Nadia Ceppi, Veronica Demasi, Renata Fenoglio e Cinzia Spriano per la loro disponibilità e per aver rappresentato in modo chiaro rendendola tangibile la necessità di formare gruppi di lavoro, pensati per favorire la partecipazione attiva degli iscritti a riflessioni sui temi di attualità inerenti il servizio sociale e le diverse dimensione dell’intervento professionale. Le finalità generali dei gruppi possono essere ricondotte alla costruzione di una competenza collettiva, nella direzione dell’implementazione di una comunità di pratiche. Dall’analisi dei questionari e dalle sollecitazioni pervenute all’Ordine nell’ultimo anno, sono emersi argomenti d’interesse prevalente che verranno approfonditi nei lavori di gruppo.

Attraverso un coinvolgimento diretto degli iscritti, si intende attivare un processo virtuoso di autoformazione ed autoriflessione sul mandato professionale nei vari contesti di esercizio, favorendo anche una maggior conoscenza delle diverse situazioni territoriali.

Documento a cura dell’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Piemonte, redatto dal Gruppo di Lavoro –  Elaborazione questionari WSWD 2015 composto da: Chiara Biraghi e Paola Vaio – assistenti sociali Consiglieri CROAS Piemonte e dagli assistenti sociali Nadia Ceppi, Veronica Demasi, Renata Fenoglio e Cinzia Spriano.

“L’indagine, presentata nel seguente documento, nasce dall’interesse di far emergere le riflessioni etico-professionali dei colleghi che hanno partecipato alla Giornata Mondiale del Servizio Sociale, che si è tenuta a 17 Marzo 2015 a Torino, e che hanno compilato in quell’occasione un Questionario proposto dal Consiglio dell’Ordine. E’ un lavoro innovativo e dinamico, e si prefigge innanzitutto di restituire al CROAS Piemonte tali riflessioni rielaborate alla luce delle analisi quanti-qualitative del gruppo di lavoro, che ha lavorato nel periodo Maggio-Ottobre 2015, in un’ottica processuale di formazione continua che si basa sul continuo rapporto circolare teoria-prassi-teoria.”

DOCUMENTO FINALE gruppo lavoro WSWD 2015

questionario

Ultimo aggiornamento: 18-01-2016 16:22:07