Ordine Assistenti Sociali Piemonte

#SieteFamiglia Il CROAS Piemonte è vicino alla coppia gay a cui è stata negata la casa

omofobia1605044314

23 marzo, Torino. Si apprende dalla cronaca locale (Repubblica.it e LaStampa.it) quanto successo ad una coppia gay, che si è vista negare una casa in affitto perché non ritenuta dal proprietario una “famiglia”, nella sua accezione più vecchia ed oramai sorpassata.

Uno dei due ragazzi ha lanciato, nella giornata di ieri, la propria legittima denuncia sul profilo facebook, scrivendo: “Capita oggi 2017. In un paese che ha (finalmente) le “Unioni Civili”. Facile dire uguaglianza? Ma poi alla messa alla prova chi affitterebbe, chi darebbe fiducia a una coppia gay, a una coppia straniera, a una persona di colore… così come quaranta cinquanta anni fa non si “fittava ai meridionali” come raccontava mio padre.”

«Queste parole ci riportano – afferma Barbara Rosina, Presidente degli Assistenti Sociali del Piemonte, – a tutte quelle volte che, come professionisti, abbiamo assistito a trattamenti discriminatori. La definizione internazionale di servizio sociale del 2014 pone l’accento sul fatto che principi quali la giustizia sociale, i diritti umani, la responsabilità collettiva ed il rispetto delle diversità sono fondamentali per il servizio sociale. Sostenuto dalle teorie del servizio sociale, delle scienze sociali, umanistiche e dai saperi indigeni, il servizio sociale coinvolge persone e strutture per affrontare le sfide della vita e per migliorarne il benessere».

Barbara Rosina precisa: «Gli assistenti sociali, nella pratica quotidiana, debbono assumere un ruolo sempre più politico. Non ci posizioniamo inermi ed impotenti di fronte alle ingiustizie. Siamo dalla parte dei cittadini e con loro e per loro avanziamo delle richieste, in primo luogo a chi è amministratore pubblico».

«Monica Cerutti (assessora regionale con delega alle Pari Opportunità, Diritti Civili), che ringraziamo, ha immediatamente lanciato una dichiarazione di vicinanza. Chiediamo a tutti i politici del Comune di Torino e della Regione Piemonte di fare altrettanto, mettendoci la faccia».

Coerentemente con quanto già espresso nel luglio del 2016 in occasione del Gay Pride (http://www.oaspiemonte.org/il-croas-piemonte-per-il-gay-pride), il CROAS Piemonte lancia una campagna di sensibilizzazione perché il diritto di essere se stesso sia garantito e mai più minato, con un messaggio: “#SieteFamiglia”.

«Ogni assistente sociale ed ogni cittadino – conclude Rosina – è invitato a partecipare all’iniziativa #SieteFamiglia, inviandoci la propria foto a segreteria@oaspiemonte.org ed un messaggio. Saremmo lieti di pubblicare il materiale ricevuto sul sito istituzionale. Il Consiglio dell’Ordine degli Assistenti Sociali del Piemonte è parte attiva nel combattere per i diritti sociali e civili. Vigiliamo attentamente!»

Carmela, Francesca Longobardi – Consigliere addetto stampa CROAS Piemonte

Fonte immagine in evidenza
 

Ultimo aggiornamento: 07-04-2017 16:45:41